mercoledì 19 dicembre 2018
| 
 
 You are here :: Aree di attività » RC automobilistica / infortunistica stradale
Untitled Document
Menu  
 
 
Untitled Document
Links
 
 

Untitled Document
RC automobilistica / infortunistica stradale
 
Il nostro sistema di gestione e di documentazione integrato, che utilizza le tecniche informatiche più all’avanguardia, ci permette di conoscere entro 48 ore dalla data del verificarsi di un sinistro automobilistico, il nome del proprietario del veicolo danneggiante con la sua scheda anagrafica, il nome della sua compagnia assicuratrice, una accurata perizia dei danni riportati dalla vettura de Ns. assistito, redatto su moduli e nel rispetto dei listini ANIA, nonché un dossier fotografico completo realizzato e stampato con supporti digitali.
L’utilizzo della tecnologia ci consente in tempi record di procedere alla costituzione in mora dei responsabili dell’incidente e della compagnia assicuratrice obbligata al risarcimento, onde il successivo instaurarsi delle trattative volte alla conciliazione stragiudiziale e alla satisfattiva liquidazione del danno avviene con estrema celerità e scongiura, nella maggior parte dei casi, il rischio di percorrere il talvolta tortuoso iter del processo civile o penale.
Lo studio si avvale inoltre della pregiata consulenza di medici legali di chiara fama, onde è in grado, su richiesta della clientela, di procedere all’acquisizione in tempi rapidi di perizie medico- legali per l’accertamento dei postumi permanenti derivanti da infortuni stradali o sul lavoro ai fini della quantificazione del danno biologico e morale risarcibile.
Il nostro sistema di gestione e di documentazione integrato, che utilizza le tecniche informatiche più all’avanguardia, ci permette di conoscere entro 48 ore dalla data del verificarsi di un sinistro automobilistico, il nome del proprietario del veicolo danneggiante con la sua scheda anagrafica, il nome della sua compagnia assicuratrice, una accurata perizia dei danni riportati dalla vettura de Ns. assistito, redatto su moduli e nel rispetto dei listini ANIA, nonché un dossier fotografico completo realizzato e stampato con supporti digitali.
L’utilizzo della tecnologia ci consente in tempi record di procedere alla costituzione in mora dei responsabili dell’incidente e della compagnia assicuratrice obbligata al risarcimento, onde il successivo instaurarsi delle trattative volte alla conciliazione stragiudiziale e alla satisfattiva liquidazione del danno avviene con estrema celerità e scongiura, nella maggior parte dei casi, il rischio di percorrere il talvolta tortuoso iter del processo civile o penale.
Lo studio si avvale inoltre della pregiata consulenza di medici legali di chiara fama, onde è in grado, su richiesta della clientela, di procedere all’acquisizione in tempi rapidi di perizie medico- legali per l’accertamento dei postumi permanenti derivanti da infortuni stradali o sul lavoro ai fini della quantificazione del danno biologico e morale risarcibile.
 
Untitled Document
Text/HTML
 

Incidenti stradali – procedibilità della domanda – insufficienza del mero invio della raccomandata – necessità ulteriori contenuti imposti dalla legge

Da avv. Marcello Ricciardi il 18/01/2009 ore 10.01

 

In tema di incidenti stradali, alla luce dell'art. 148, d.lgs. 209/2005, il presupposto di procedibilità della domanda non è più ancorato al semplice invio della raccomandata, ma al rispetto delle formalità e dei contenuti imposti dalla legge. Si riporta il testo integrale della sentenza che enuncia tale principio Giurisprudenziale:

 

 

Tribunale di Nola

Sezione II Civile

Sentenza 18 settembre 2007

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale di Nola in composizione monocratica nella persona del giudice istruttore dott. Francesco Notaro, ha pronunciato a norma dell’art.281 sexies c.p.c., mediante lettura del dispositivo e dei motivi, la seguente

SENTENZA

Nella causa recante il numero di ruolo 206/06, tra le parti in causa Tizia , rappresentata dagli avv. ….. e …. giusta procura stesa a margine dell’atto di citazione ed elett.nte dom.to presso lo studio del primo procuratore sito in Casalnuovo di Napoli, ……, quale attrice e XXXX Assicurazioni s.p.a. in persona del legale rappresentante p.t., quale convenuta contumace, nonché Caio, res. in Casalnuovo di Napoli, ….. , quale convenuto contumace, avente ad oggetto: risarcimento da responsabilità civile auotomoblistica.

MOTIVI DELLA DECISIONE

La domanda deve essere dichiarata improponibile.

Va, infatti, evidenziato che questa è stata introdotta nella vigenza del d.lgs n.209 del 2005, entrato in vigore in data 1.1.2006.

A mente dell’art.145, l’azione non può essere promossa se non dopo che siano decorsi i termini di sessanta o novanta giorni, dall’invio della raccomandata a.r. all’impresa assicuratrice, con cui è stato richiesto il ristoro dei danni asseritamente subiti, in via stragiudiziale (cd. spatium deliberandi).

Diversamente da quanto dettato dalla norma abrogata di cui all’art.22 legge n.990 del 1969 e successive modificazioni, il legislatore del 2005, al 1° comma dell’art.145 cit. ha espressamente specificato che il danneggiato, nella richiesta de qua, deve osservare “le modalità ed i contenuti previsti all’art.148.” .

Sicché il presupposto di procedibilità (ma ora la norma parla espressamente di “proponibilità”) della domanda non è più ancorato al semplice invio della raccomandata, ma al rispetto delle formalità e dei contenuti ‘imposti’ dall’art.148.

Si consideri che l’inciso in discorso chiude entrambi i comma di cui all’art.145 cit., disposizione che altrettanto significativamente, per come si è detto, si intitola espressamente “Proponibilità della domanda”.

Né potrebbe sostenersi che anche in base alla formulazione dell’art.3 della legge n.39 del 1979, come modificato dall’art. 5 della legge n.57 del 2001, i contenuti della lettera di messa in mora erano, nella sostanza, disciplinati in maniera pressoché analoga, di tal che, sarebbe ancora attuale la consolidata giurisprudenza del giudice di legittimità successiva alla citata modifica, che riteneva l’inosservanza delle prescrizioni dettate dalla norma de qua, non influisse sulla procedibilità della domanda, regolata soltanto dall’art.22 della legge n.990 del 1969.

A tale interpretazione osta, con ogni evidenza, il rilievo che, in precedenza, la norma che disciplinava la procedibilità della domanda era, appunto, in via esclusiva il citato art.22, che non prevedeva contenuti obbligatori di sorta, sebbene si affiancasse in altro testo normativo, la dettagliata enunciazione dei contenuti della denuncia, così che era pienamente legittima l’interpretazione che portava a ritenere ininfluente ai fini della procedibilità dell’azione, la mancata ottemperanza all’indicazione di quei contenuti (la maggiore analiticità della richiesta risarcitoria veniva così ad assumere rilevanza in relazione al ritardo colpevole dell’assicuratore ai fine della responsabilità per mala gestio, onde invocare il superamento del massimale, in caso di incapienza).

Ciò anche perché il termine unitario dettato per poter proporre la domanda dall’art.22 della legge n.990, non coincideva con quelli di cui all’art.3 della legge n.39/79, riferiti alla formulazione dell’offerta nella fase stragiudiziale da parte della compagnia assicuratrice, essendo stati diversamente fissati per le lesioni a cose – il termine coincideva con quello di sessanta giorni ex art.22 cit. – rispetto al termine relativo alla richiesta di risarcimento per lesioni alla persona, che era stato ampliato a novanta giorni, creando un evidente elemento di incoerenza nell’intero sistema, atteso che era possibile avanzare la domanda di risarcimento al giudice, prima che fosse spirato il termine concesso all’impresa assicurativa per formulare l’offerta, legittimando ulteriormente l’interpretazione che tendeva a separare i piani su cui operavano l’art.22 della legge n.990 del 1969 da una parte e l’art.3 l. 39/79. dall’altra.

Oramai invece, vi è un’unica norma che non solo regola la proponibilità dell’azione giudiziaria nel medesimo contesto e quasi a rafforzarne la cogenza, richiama ‘in chiusura’ espressamente la necessità che siano osservati le modalità ed in contenuti prescritti nei successivi artt.148 e 149, ma, contemporaneamente, i termini previsti per l’offerta ad opera della compagnia assicuratrice, sono stati temporalmente fissati in maniera analoga a quelli dettati per la proponibilità della domanda giudiziale, con l’innalzamento del termine di proponibilità per i danni alla persona, a novanta giorni (solo in caso di constatazione amichevole il termine per l’offerta è ridotto a trenta giorni, sicché, essendo inferiore a quello per proporre il giudizio, alcun elemento di frizione viene a crearsi tra il momento in cui si dovrebbe ‘completare’ la fase stragiudiziale e quello a far data dal quale può proporsi la domanda di risarcimento).

Infine, ad avviso di questo giudice, non può non considerarsi il dato per così dire di carattere storico, che lascia intendere come il legislatore sia intervenuto essendo ben consapevole dell’indirizzo consolidato del giudice di legittimità secondo il quale, per la procedibilità della domanda, era sufficiente formulare la ‘semplice’ denuncia di sinistro ex art.22 legge n.990 cit., imponendo ora testualmente il rispetto delle modalità e dei contenuti maggiormente dettagliati di cui ai successivi artt.148 e 149.

Si osserva, infine, che, afferendo il requisito di procedibilità dell’azione, ad un presupposto processuale la cui regolarità va accertata al momento di proposizione della domanda, rilevabile anche ex officio, non rileva la mancata richiesta di integrazioni da parte dell’impresa di assicurazioni ai fini di escluderne il difetto, né lo stesso è sanabile una volta avanzata la domanda.

Si consideri, infatti, che i casi in cui le eccezioni riferite ad un presupposto processuale sono rimesse al rilievo di parte, sono disciplinati espressamente dal legislatore vedasi  in particolare quanto previsto in riferimento al principale presupposto processuale, costituito dalla competenza e segnatamente alla disciplina della competenza territoriale –, mentre nel caso di specie nulla viene detto nel corpo degli artt.148 e 149 t.u.a. (cfr. anche il caso in cui un’amministrazione dello Stato sia chiamata in garanzia ai sensi dell’art.6 comma 2 r.d. n.1611 del 1933, dove perché si verifichi lo spostamento della causa principale, unitamente all’azione di garanzia, è necessaria la “richiesta” dell’amministrazione).

Sotto altro profilo, la norma, per la particolare valenza accordatale nella parte in cui ‘regola’ l’accesso alla tutela giurisdizionale, essendo applicabile dal 1.1.2006, trova operatività anche in riferimento ai sinistri avvenuti antecedentemente, con l’obbligo di rinnovare la lettera, con “le modalità ed i contenuti” ex art.148 cit..

Infatti, come è stato acutamente osservato dai primi commentatori, da una parte la richiesta di risarcimento è atto di carattere sostanziale, ai fini per esempio, della interruzione della prescrizione, sicché si pone al di fuori del processo, sebbene, come si è detto, condizioni, da un punto di vista processuale, la sola proponibilità della domanda, di tal che, non può invocarsi, a tale riguardo, il principio tempus regit actum,ritenendo che possa valere la legge in vigore al momento dell’inoltro della raccomandata avvenuta prima dell’entrata in vigore del testo unico.

Semmai l’applicazione del detto principio, nella parte in cui la richiesta risarcitoria influisce sulla proponibilità del giudizio, non può che comportare la necessità che vengano osservate le formalità prescritte dalla legge al momento di instaurazione della lite, le quali, oramai, a far data dal 1° gennaio 2006, richiedono l’assolvimento dell’obbligo di modulare la richiesta in virtù delle prescrizioni di cui agli artt.145, 148 e 149, confermando l’interpretazione che è incline a ritenere che la richiesta debba essere rinnovata, dovendosi, altresì, rilevare che laddove il legislatore ha inteso applicare la nuova disciplina solo ai sinistri verificatisi dopo una certa data, lo ha fatto espressamente, come per la procedura del cd. indennizzo diretto.

Nel caso in esame, oltre a non essere stato compilato l’apposito modulo (ndr - trattasi del cd. "modulo di constatazione dell'incidente", a firma congiunta o singola) di cui al comma 1°, non è stato indicato il codice fiscale del richiedente, nulla è stato allegato circa l’attività ed il reddito del danneggiato – nonostante la domanda si riferisca genericamente a tutti i danni patrimoniali subiti –, né in relazione all’attestazione del certificato comprovante l’avvenuta guarigione con o senza postumi permanenti, nonostante si fa riferimento in citazione ad accertamenti medici e perizie che di ciò danno espressamente conto, oltre alla mancanza della dichiarazioni di cui all’art.142 comma 2 t.u.a..

Nella contumacia dei convenuti nulla va disposto sulle spese del giudizio.

P.Q.M.

Il tribunale di Nola in composizione monocratica, sulla domanda indicata in epigrafe, così provvede:

a) dichiara improponibile la domanda;

b) nulla sulle spese.

Nola, all’udienza del 18 settembre 2007
Il giudice istruttore 
Dott. Francesco Notaro

fonte:Altalex Massimario 40/08

Incidenti stradali – procedibilità della domanda – insufficienza del mero invio della raccomandata – necessità ulteriori contenuti imposti dalla legge

Da avv. Marcello Ricciardi il 18/01/2009 ore 10.01

 

In tema di incidenti stradali, alla luce dell'art. 148, d.lgs. 209/2005, il presupposto di procedibilità della domanda non è più ancorato al semplice invio della raccomandata, ma al rispetto delle formalità e dei contenuti imposti dalla legge. Si riporta il testo integrale della sentenza che enuncia tale principio Giurisprudenziale:

 

 

Tribunale di Nola

Sezione II Civile

Sentenza 18 settembre 2007

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale di Nola in composizione monocratica nella persona del giudice istruttore dott. Francesco Notaro, ha pronunciato a norma dell’art.281 sexies c.p.c., mediante lettura del dispositivo e dei motivi, la seguente

SENTENZA

Nella causa recante il numero di ruolo 206/06, tra le parti in causa Tizia , rappresentata dagli avv. ….. e …. giusta procura stesa a margine dell’atto di citazione ed elett.nte dom.to presso lo studio del primo procuratore sito in Casalnuovo di Napoli, ……, quale attrice e XXXX Assicurazioni s.p.a. in persona del legale rappresentante p.t., quale convenuta contumace, nonché Caio, res. in Casalnuovo di Napoli, ….. , quale convenuto contumace, avente ad oggetto: risarcimento da responsabilità civile auotomoblistica.

MOTIVI DELLA DECISIONE

La domanda deve essere dichiarata improponibile.

Va, infatti, evidenziato che questa è stata introdotta nella vigenza del d.lgs n.209 del 2005, entrato in vigore in data 1.1.2006.

A mente dell’art.145, l’azione non può essere promossa se non dopo che siano decorsi i termini di sessanta o novanta giorni, dall’invio della raccomandata a.r. all’impresa assicuratrice, con cui è stato richiesto il ristoro dei danni asseritamente subiti, in via stragiudiziale (cd. spatium deliberandi).

Diversamente da quanto dettato dalla norma abrogata di cui all’art.22 legge n.990 del 1969 e successive modificazioni, il legislatore del 2005, al 1° comma dell’art.145 cit. ha espressamente specificato che il danneggiato, nella richiesta de qua, deve osservare “le modalità ed i contenuti previsti all’art.148.” .

Sicché il presupposto di procedibilità (ma ora la norma parla espressamente di “proponibilità”) della domanda non è più ancorato al semplice invio della raccomandata, ma al rispetto delle formalità e dei contenuti ‘imposti’ dall’art.148.

Si consideri che l’inciso in discorso chiude entrambi i comma di cui all’art.145 cit., disposizione che altrettanto significativamente, per come si è detto, si intitola espressamente “Proponibilità della domanda”.

Né potrebbe sostenersi che anche in base alla formulazione dell’art.3 della legge n.39 del 1979, come modificato dall’art. 5 della legge n.57 del 2001, i contenuti della lettera di messa in mora erano, nella sostanza, disciplinati in maniera pressoché analoga, di tal che, sarebbe ancora attuale la consolidata giurisprudenza del giudice di legittimità successiva alla citata modifica, che riteneva l’inosservanza delle prescrizioni dettate dalla norma de qua, non influisse sulla procedibilità della domanda, regolata soltanto dall’art.22 della legge n.990 del 1969.

A tale interpretazione osta, con ogni evidenza, il rilievo che, in precedenza, la norma che disciplinava la procedibilità della domanda era, appunto, in via esclusiva il citato art.22, che non prevedeva contenuti obbligatori di sorta, sebbene si affiancasse in altro testo normativo, la dettagliata enunciazione dei contenuti della denuncia, così che era pienamente legittima l’interpretazione che portava a ritenere ininfluente ai fini della procedibilità dell’azione, la mancata ottemperanza all’indicazione di quei contenuti (la maggiore analiticità della richiesta risarcitoria veniva così ad assumere rilevanza in relazione al ritardo colpevole dell’assicuratore ai fine della responsabilità per mala gestio, onde invocare il superamento del massimale, in caso di incapienza).

Ciò anche perché il termine unitario dettato per poter proporre la domanda dall’art.22 della legge n.990, non coincideva con quelli di cui all’art.3 della legge n.39/79, riferiti alla formulazione dell’offerta nella fase stragiudiziale da parte della compagnia assicuratrice, essendo stati diversamente fissati per le lesioni a cose – il termine coincideva con quello di sessanta giorni ex art.22 cit. – rispetto al termine relativo alla richiesta di risarcimento per lesioni alla persona, che era stato ampliato a novanta giorni, creando un evidente elemento di incoerenza nell’intero sistema, atteso che era possibile avanzare la domanda di risarcimento al giudice, prima che fosse spirato il termine concesso all’impresa assicurativa per formulare l’offerta, legittimando ulteriormente l’interpretazione che tendeva a separare i piani su cui operavano l’art.22 della legge n.990 del 1969 da una parte e l’art.3 l. 39/79. dall’altra.

Oramai invece, vi è un’unica norma che non solo regola la proponibilità dell’azione giudiziaria nel medesimo contesto e quasi a rafforzarne la cogenza, richiama ‘in chiusura’ espressamente la necessità che siano osservati le modalità ed in contenuti prescritti nei successivi artt.148 e 149, ma, contemporaneamente, i termini previsti per l’offerta ad opera della compagnia assicuratrice, sono stati temporalmente fissati in maniera analoga a quelli dettati per la proponibilità della domanda giudiziale, con l’innalzamento del termine di proponibilità per i danni alla persona, a novanta giorni (solo in caso di constatazione amichevole il termine per l’offerta è ridotto a trenta giorni, sicché, essendo inferiore a quello per proporre il giudizio, alcun elemento di frizione viene a crearsi tra il momento in cui si dovrebbe ‘completare’ la fase stragiudiziale e quello a far data dal quale può proporsi la domanda di risarcimento).

Infine, ad avviso di questo giudice, non può non considerarsi il dato per così dire di carattere storico, che lascia intendere come il legislatore sia intervenuto essendo ben consapevole dell’indirizzo consolidato del giudice di legittimità secondo il quale, per la procedibilità della domanda, era sufficiente formulare la ‘semplice’ denuncia di sinistro ex art.22 legge n.990 cit., imponendo ora testualmente il rispetto delle modalità e dei contenuti maggiormente dettagliati di cui ai successivi artt.148 e 149.

Si osserva, infine, che, afferendo il requisito di procedibilità dell’azione, ad un presupposto processuale la cui regolarità va accertata al momento di proposizione della domanda, rilevabile anche ex officio, non rileva la mancata richiesta di integrazioni da parte dell’impresa di assicurazioni ai fini di escluderne il difetto, né lo stesso è sanabile una volta avanzata la domanda.

Si consideri, infatti, che i casi in cui le eccezioni riferite ad un presupposto processuale sono rimesse al rilievo di parte, sono disciplinati espressamente dal legislatore vedasi  in particolare quanto previsto in riferimento al principale presupposto processuale, costituito dalla competenza e segnatamente alla disciplina della competenza territoriale –, mentre nel caso di specie nulla viene detto nel corpo degli artt.148 e 149 t.u.a. (cfr. anche il caso in cui un’amministrazione dello Stato sia chiamata in garanzia ai sensi dell’art.6 comma 2 r.d. n.1611 del 1933, dove perché si verifichi lo spostamento della causa principale, unitamente all’azione di garanzia, è necessaria la “richiesta” dell’amministrazione).

Sotto altro profilo, la norma, per la particolare valenza accordatale nella parte in cui ‘regola’ l’accesso alla tutela giurisdizionale, essendo applicabile dal 1.1.2006, trova operatività anche in riferimento ai sinistri avvenuti antecedentemente, con l’obbligo di rinnovare la lettera, con “le modalità ed i contenuti” ex art.148 cit..

Infatti, come è stato acutamente osservato dai primi commentatori, da una parte la richiesta di risarcimento è atto di carattere sostanziale, ai fini per esempio, della interruzione della prescrizione, sicché si pone al di fuori del processo, sebbene, come si è detto, condizioni, da un punto di vista processuale, la sola proponibilità della domanda, di tal che, non può invocarsi, a tale riguardo, il principio tempus regit actum,ritenendo che possa valere la legge in vigore al momento dell’inoltro della raccomandata avvenuta prima dell’entrata in vigore del testo unico.

Semmai l’applicazione del detto principio, nella parte in cui la richiesta risarcitoria influisce sulla proponibilità del giudizio, non può che comportare la necessità che vengano osservate le formalità prescritte dalla legge al momento di instaurazione della lite, le quali, oramai, a far data dal 1° gennaio 2006, richiedono l’assolvimento dell’obbligo di modulare la richiesta in virtù delle prescrizioni di cui agli artt.145, 148 e 149, confermando l’interpretazione che è incline a ritenere che la richiesta debba essere rinnovata, dovendosi, altresì, rilevare che laddove il legislatore ha inteso applicare la nuova disciplina solo ai sinistri verificatisi dopo una certa data, lo ha fatto espressamente, come per la procedura del cd. indennizzo diretto.

Nel caso in esame, oltre a non essere stato compilato l’apposito modulo (ndr - trattasi del cd. "modulo di constatazione dell'incidente", a firma congiunta o singola) di cui al comma 1°, non è stato indicato il codice fiscale del richiedente, nulla è stato allegato circa l’attività ed il reddito del danneggiato – nonostante la domanda si riferisca genericamente a tutti i danni patrimoniali subiti –, né in relazione all’attestazione del certificato comprovante l’avvenuta guarigione con o senza postumi permanenti, nonostante si fa riferimento in citazione ad accertamenti medici e perizie che di ciò danno espressamente conto, oltre alla mancanza della dichiarazioni di cui all’art.142 comma 2 t.u.a..

Nella contumacia dei convenuti nulla va disposto sulle spese del giudizio.

P.Q.M.

Il tribunale di Nola in composizione monocratica, sulla domanda indicata in epigrafe, così provvede:

a) dichiara improponibile la domanda;

b) nulla sulle spese.

Nola, all’udienza del 18 settembre 2007
Il giudice istruttore 
Dott. Francesco Notaro

fonte:Altalex Massimario 40/08

 
RC automobilistica / infortunistica stradale | Recupero crediti | Contrattualistica | Intermediazione creditizia | Assistenza fiscale | Diritto Amministrativo e urbanistico.Sanzioni | Diritto di famiglia | Assistenza legale alle imprese sanitarie | La tutela del turista in caso di vacanza rovinata | TUTELA DEL CONSUMATORE | Ferrovie. Tutela del passeggero e del pendolare | INVALIDITÀ CIVILE | EQUITALIA | SOS MULTE | Stalking - - molestie - come tutelarsi | RESPONSABILITà PER COLPA MEDICA. ERRORI CHIRUGICI. | consulenza iscrizione registro auto e moto d'epoca | EQUA RIPARAZIONE INGIUSTO PROCESSO
Copyright 2008 by Futurete