mercoledì 19 dicembre 2018
| 
 
 You are here :: Aree di attività » La tutela del turista in caso di vacanza rovinata
Untitled Document
Menu  
 
 
Untitled Document
Links
 
 
Untitled Document
PRIMO PIANO
 

PRONTO SOCCORSO LEGALE IN CASO DI VACANZA ROVINATA...

Vacanza,rovinata, responsabilità compagnia aerea

SCOPRI COME TUTELARTI QUI►

PRONTO SOCCORSO LEGALE IN CASO DI VACANZA ROVINATA...

Vacanza,rovinata, responsabilità compagnia aerea

SCOPRI COME TUTELARTI QUI►

 

Untitled Document
Text/HTML
 

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

Nel concetto di vacanza rovinata, si ricomprende ogni ipotesi di responsabilità del tour operator, compagnie aeree, agenzie di viaggio ed alberghi, a fronte del verificarsi delle più svariate ipotesi di inadempimento contrattuale, tra cui, a mero titolo di esempio, citiamo:

- spiaggia della struttura proposta nel pacchetto turistico, rivelatasi  non praticabile;

-  Smarrimento, manomissione, distruzione, danneggiamento  del bagaglio o ritardo nella sua riconsegna.

- Danno esistenziale da forzosa rinuncia alla vacanza

- danno da  spostamento del volo di partenza, ritardi aerei, cancellazioni, negati imbarchi per over booking

- inadempimento contrattuale dell'agenzia - "culpa in eligendo" per la proposta di destinazioni, struttture alberghiere o collegamenti (aerei, navali etc.) difformi da quanto pattuito e comunque inadeguati rispetto alle attese dei turisti.

IN TUTTI I RIFERITI CASI, LA EFFICACIA DELLA TUTELA DIPENDE DALLA TEMPESTIVITA' DELLA PROPOSIZIONE DEL RECLAMO.

PER TALI MOTIVI IL NOSTRO STUDIO RIMANE A DISPOSIZIONE ANCHE NEL MESE DI AGOSTO AL NUMERO 0815499441 - 3391850285, ovvero inviando un quesito via fax al numero 0815494808, o compilando QUI il  modulo di richiesta on line, o contattando con il programma Skype l'Avv. Ricciardi in videoconferenza, ricercando il nickname "marcelloricciardi", o infine inviando una mail all'indirizzo ricciardi@studiolegalericciardi.it.

NON ESITATE A CONTATTARCI. PERCONSUMATORI, PASSEGGERI E TURISTI, LA TEMPESTIVITA' E' TUTTO.

IL DANNO DA VACANZA ROVINATA

Nel concetto di vacanza rovinata, si ricomprende ogni ipotesi di responsabilità del tour operator, compagnie aeree, agenzie di viaggio ed alberghi, a fronte del verificarsi delle più svariate ipotesi di inadempimento contrattuale, tra cui, a mero titolo di esempio, citiamo:

- spiaggia della struttura proposta nel pacchetto turistico, rivelatasi  non praticabile;

-  Smarrimento, manomissione, distruzione, danneggiamento  del bagaglio o ritardo nella sua riconsegna.

- Danno esistenziale da forzosa rinuncia alla vacanza

- danno da  spostamento del volo di partenza, ritardi aerei, cancellazioni, negati imbarchi per over booking

- inadempimento contrattuale dell'agenzia - "culpa in eligendo" per la proposta di destinazioni, struttture alberghiere o collegamenti (aerei, navali etc.) difformi da quanto pattuito e comunque inadeguati rispetto alle attese dei turisti.

IN TUTTI I RIFERITI CASI, LA EFFICACIA DELLA TUTELA DIPENDE DALLA TEMPESTIVITA' DELLA PROPOSIZIONE DEL RECLAMO.

PER TALI MOTIVI IL NOSTRO STUDIO RIMANE A DISPOSIZIONE ANCHE NEL MESE DI AGOSTO AL NUMERO 0815499441 - 3391850285, ovvero inviando un quesito via fax al numero 0815494808, o compilando QUI il  modulo di richiesta on line, o contattando con il programma Skype l'Avv. Ricciardi in videoconferenza, ricercando il nickname "marcelloricciardi", o infine inviando una mail all'indirizzo ricciardi@studiolegalericciardi.it.

NON ESITATE A CONTATTARCI. PERCONSUMATORI, PASSEGGERI E TURISTI, LA TEMPESTIVITA' E' TUTTO.

 
Untitled Document
novita' in tema di danno da vaxanza rovinata
 

Novità sulla risarcibilità e sulla quantificazione del danno da vacanza rovinata.

Navigando nel Web o semplicemente leggendo riviste turistiche, ci si imbatte sempre più spesso nel termine vacanza rovinata, ma, su cosa tale termine significhi o sul perché tale fattispecie debba trovare nel nostro ordinamento un diritto risarcitorio non v’è ancora totale chiarezza.Il rischio è che il turista, vittima di un “pregiudizio” durante la propria vacanza, cada nell’errore di pensare di poter richiedere chissà quale risarcimento, così da imbarcarsi in costose, quanto infruttuose azioni legali (alle volte diciamolo pure, anche avallate da parte di professionisti non esperti della materia).
Esulando da eccessivi tecnicismi che spesso confondono il lettore, è possibile definire il danno da vacanza rovinata come il pregiudizio sofferto dal turista a causa dell’inadempimento contrattuale dell’organizzatore turistico durante l’esecuzione del viaggio tutto compreso.
Sostanzialmente, infatti, dall’inadempimento contrattuale dell’organizzatore del viaggio possono derivare al viaggiatore due tipi di danno, il primo di natura patrimoniale (esempio la perdita del bagaglio), il secondo di natura non patrimoniale (lesione del periodo di svago e riposo determinato dalla mancanza di indumenti e beni personali), ossia il c.d. “danno da vacanza rovinata”.
Superata l’oramai desueta problematica che vedeva ancorata la risarcibilità del danno non patrimoniale nel solo caso in cui il fatto illecito assumesse connotazione di reato (ex art. 2059 c.c.), è, dunque, possibile affermare che il danno da vacanza rovinata trova oggi piena risarcibilità nel nostro ordinamento.
La conferma di tale affermazione viene data proprio dal D.lgs 206 del 2005 - il Codice del Consumo - che ha recepito ed incluso negli artt. dall’ 82 al 100, tutte le disposizioni in materia di viaggio organizzato. In particolare, all’art. 93 viene statuito da parte del legislatore che “in caso di mancato o inesatto adempimento delle obbligazioni assunte con la vendita del pacchetto turistico, l´organizzatore e il venditore sono tenuti al risarcimento del danno, secondo le rispettive responsabilità, se non provano che il mancato o inesatto adempimento è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a loro non imputabile. L´organizzatore o il venditore che si avvale di altri prestatori di servizi è comunque tenuto a risarcire il danno sofferto dal consumatore, salvo il diritto di rivalersi nei loro confronti.”
Individuata la fonte normativa del “danno da Vacanza Rovinata”, è opportuno affrontare il problema della quantificazione di tale “danno, in modo da dare al turista un’idea verosimile del risarcimento che potrebbe richiedere nei confronti dell’operatore turistico responsabile.
Ebbene, sino ad oggi, per calcolare il danno da vacanza rovinata si è proceduto in un clima di assoluta disomogeneità giurisprudenziale, atteso che i giudici italiani hanno liquidato, affidandosi allo strumento equitativo, le somme più variegate, offrendo principi e quantificazioni sempre differenti del danno lamentato da parte del turista. A differenza di altre materie, come ad esempio l’infortunistica stradale, casi simili trovano nella realtà giurisprudenziale attuale differenti soluzioni giuridiche e difformi criteri di quantificazione.In via esemplificativa.
il Tribunale di Torino 1996, ha previsto un risarcimento paria alla “metà del valore del pacchetto turistico”;
il Tribunale di Bologna 15 ottobre 1992, Tribunale di Palermo 5 ottobre 2006, che non hanno fornito alcun parametro;
il Tribunale di Milano 7 febbraio 2002, che ha quantificato il risarcimento nel prezzo intero della vacanza cui vanno ad aggiungersi gli eventuali pregiudizi patrimoniali per ferie non godute ed il malessere e la depressione per la vacanza rovinata;
il Tribunale di Roma 6 ottobre 1989, che ha giustificato il nocumento risarcibile nel doppio del costo del biglietto.
Solo nell’ottobre 2007, il Tribunale di Milano si è occupato del problema ed ha tentato di offrire un uniforme strumento di valutazione del danno da vacanza rovinata, teso a quantificare in modo omogeneo la lesione dell’aspettativa di svago e riposo in capo ad ogni turista.
Ebbene, la motivazione resa nella richiamata sentenza, permetterebbe al turista danneggiato di quantificare il danno sofferto attraverso parametri prestabiliti, alla luce delle tabelle sull’invalidità temporanea preesistenti, ma entro un range prestabilito nel minimo e nel massimo.
Il Tribunale lombardo, utilizzando come criterio di riferimento i parametri di liquidazione del danno alla persona per inabilità temporanea, ha tentato di individuare, approssimativamente, il limite, superiore, che tale ristoro può raggiungere, tenuto conto della intera durata della vacanza (per il danno biologico da inabilità assoluta le tabelle usualmente adottate dal Tribunale di Milano riconoscono una somma di Euro 65,00 al giorno cui deve aggiungersi il danno morale soggettivo nella misura di una frazione, da un quarto alla metà, del primo).

Y = ammontare del risarcimento del danno non patrimoniale da vacanza rovinata
X = giorni della durata della vacanza
N = valore sottratto all’inabilità assoluta = inabilità temporanea

Y = 65 • X (danno biologico) + ¼ <> ½ 65 • X (del danno biologico che corrisponde al danno morale soggettivo)

Tale modalità di quantificazione, che allo scrivente appare, così formulata, non immune da critiche, ha tuttavia il pregio di aver affrontato, per la prima volta, il problema della quantificazione del danno da vacanza rovinata, sottolineando l’esigenza di determinare in modo univoco la forbice risarcitoria per i casi di inadempimento contrattuale dell’organizzatore turistico o dei suoi ausiliari.
In definitiva, tale nuovo principio di quantificazione permetterebbe una prima valutazione certa del “danno da vacanza rovinata”, senza ovviamente pregiudicare la possibilità per il turista di valersi dei rimedi posti dagli artt. 1453 e segg. Codice civile, in base al caso specifico.
In attesa di conoscere l’applicabilità o meno che verrà data a tale innovativo metro di giudizio, la rappresentata disomogeneità dei principi di valutazione, che oggi caratterizza i precedenti giurisprudenziali dei giudici italiani, aumenta la necessità del turista di affidarsi alla professionalità ed alla esperienza di esperti della materia, al fine di inquadrare la responsabilità dell’operatore turistico e l’effettiva possibilità di ottenere il risarcimento del torto lamentato.

 

Novità sulla risarcibilità e sulla quantificazione del danno da vacanza rovinata.

Navigando nel Web o semplicemente leggendo riviste turistiche, ci si imbatte sempre più spesso nel termine vacanza rovinata, ma, su cosa tale termine significhi o sul perché tale fattispecie debba trovare nel nostro ordinamento un diritto risarcitorio non v’è ancora totale chiarezza.Il rischio è che il turista, vittima di un “pregiudizio” durante la propria vacanza, cada nell’errore di pensare di poter richiedere chissà quale risarcimento, così da imbarcarsi in costose, quanto infruttuose azioni legali (alle volte diciamolo pure, anche avallate da parte di professionisti non esperti della materia).
Esulando da eccessivi tecnicismi che spesso confondono il lettore, è possibile definire il danno da vacanza rovinata come il pregiudizio sofferto dal turista a causa dell’inadempimento contrattuale dell’organizzatore turistico durante l’esecuzione del viaggio tutto compreso.
Sostanzialmente, infatti, dall’inadempimento contrattuale dell’organizzatore del viaggio possono derivare al viaggiatore due tipi di danno, il primo di natura patrimoniale (esempio la perdita del bagaglio), il secondo di natura non patrimoniale (lesione del periodo di svago e riposo determinato dalla mancanza di indumenti e beni personali), ossia il c.d. “danno da vacanza rovinata”.
Superata l’oramai desueta problematica che vedeva ancorata la risarcibilità del danno non patrimoniale nel solo caso in cui il fatto illecito assumesse connotazione di reato (ex art. 2059 c.c.), è, dunque, possibile affermare che il danno da vacanza rovinata trova oggi piena risarcibilità nel nostro ordinamento.
La conferma di tale affermazione viene data proprio dal D.lgs 206 del 2005 - il Codice del Consumo - che ha recepito ed incluso negli artt. dall’ 82 al 100, tutte le disposizioni in materia di viaggio organizzato. In particolare, all’art. 93 viene statuito da parte del legislatore che “in caso di mancato o inesatto adempimento delle obbligazioni assunte con la vendita del pacchetto turistico, l´organizzatore e il venditore sono tenuti al risarcimento del danno, secondo le rispettive responsabilità, se non provano che il mancato o inesatto adempimento è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a loro non imputabile. L´organizzatore o il venditore che si avvale di altri prestatori di servizi è comunque tenuto a risarcire il danno sofferto dal consumatore, salvo il diritto di rivalersi nei loro confronti.”
Individuata la fonte normativa del “danno da Vacanza Rovinata”, è opportuno affrontare il problema della quantificazione di tale “danno, in modo da dare al turista un’idea verosimile del risarcimento che potrebbe richiedere nei confronti dell’operatore turistico responsabile.
Ebbene, sino ad oggi, per calcolare il danno da vacanza rovinata si è proceduto in un clima di assoluta disomogeneità giurisprudenziale, atteso che i giudici italiani hanno liquidato, affidandosi allo strumento equitativo, le somme più variegate, offrendo principi e quantificazioni sempre differenti del danno lamentato da parte del turista. A differenza di altre materie, come ad esempio l’infortunistica stradale, casi simili trovano nella realtà giurisprudenziale attuale differenti soluzioni giuridiche e difformi criteri di quantificazione.In via esemplificativa.
il Tribunale di Torino 1996, ha previsto un risarcimento paria alla “metà del valore del pacchetto turistico”;
il Tribunale di Bologna 15 ottobre 1992, Tribunale di Palermo 5 ottobre 2006, che non hanno fornito alcun parametro;
il Tribunale di Milano 7 febbraio 2002, che ha quantificato il risarcimento nel prezzo intero della vacanza cui vanno ad aggiungersi gli eventuali pregiudizi patrimoniali per ferie non godute ed il malessere e la depressione per la vacanza rovinata;
il Tribunale di Roma 6 ottobre 1989, che ha giustificato il nocumento risarcibile nel doppio del costo del biglietto.
Solo nell’ottobre 2007, il Tribunale di Milano si è occupato del problema ed ha tentato di offrire un uniforme strumento di valutazione del danno da vacanza rovinata, teso a quantificare in modo omogeneo la lesione dell’aspettativa di svago e riposo in capo ad ogni turista.
Ebbene, la motivazione resa nella richiamata sentenza, permetterebbe al turista danneggiato di quantificare il danno sofferto attraverso parametri prestabiliti, alla luce delle tabelle sull’invalidità temporanea preesistenti, ma entro un range prestabilito nel minimo e nel massimo.
Il Tribunale lombardo, utilizzando come criterio di riferimento i parametri di liquidazione del danno alla persona per inabilità temporanea, ha tentato di individuare, approssimativamente, il limite, superiore, che tale ristoro può raggiungere, tenuto conto della intera durata della vacanza (per il danno biologico da inabilità assoluta le tabelle usualmente adottate dal Tribunale di Milano riconoscono una somma di Euro 65,00 al giorno cui deve aggiungersi il danno morale soggettivo nella misura di una frazione, da un quarto alla metà, del primo).

Y = ammontare del risarcimento del danno non patrimoniale da vacanza rovinata
X = giorni della durata della vacanza
N = valore sottratto all’inabilità assoluta = inabilità temporanea

Y = 65 • X (danno biologico) + ¼ <> ½ 65 • X (del danno biologico che corrisponde al danno morale soggettivo)

Tale modalità di quantificazione, che allo scrivente appare, così formulata, non immune da critiche, ha tuttavia il pregio di aver affrontato, per la prima volta, il problema della quantificazione del danno da vacanza rovinata, sottolineando l’esigenza di determinare in modo univoco la forbice risarcitoria per i casi di inadempimento contrattuale dell’organizzatore turistico o dei suoi ausiliari.
In definitiva, tale nuovo principio di quantificazione permetterebbe una prima valutazione certa del “danno da vacanza rovinata”, senza ovviamente pregiudicare la possibilità per il turista di valersi dei rimedi posti dagli artt. 1453 e segg. Codice civile, in base al caso specifico.
In attesa di conoscere l’applicabilità o meno che verrà data a tale innovativo metro di giudizio, la rappresentata disomogeneità dei principi di valutazione, che oggi caratterizza i precedenti giurisprudenziali dei giudici italiani, aumenta la necessità del turista di affidarsi alla professionalità ed alla esperienza di esperti della materia, al fine di inquadrare la responsabilità dell’operatore turistico e l’effettiva possibilità di ottenere il risarcimento del torto lamentato.

 

 
RC automobilistica / infortunistica stradale | Recupero crediti | Contrattualistica | Intermediazione creditizia | Assistenza fiscale | Diritto Amministrativo e urbanistico.Sanzioni | Diritto di famiglia | Assistenza legale alle imprese sanitarie | La tutela del turista in caso di vacanza rovinata | TUTELA DEL CONSUMATORE | Ferrovie. Tutela del passeggero e del pendolare | INVALIDITÀ CIVILE | EQUITALIA | SOS MULTE | Stalking - - molestie - come tutelarsi | RESPONSABILITà PER COLPA MEDICA. ERRORI CHIRUGICI. | consulenza iscrizione registro auto e moto d'epoca | EQUA RIPARAZIONE INGIUSTO PROCESSO
Copyright 2008 by Futurete